Le nostre specialità

La Piola del Forno: gustare cibi, vini, dolci, sapori della tradizione e del territorio preparati con maestria e passione.

La carta della Piola è pronta a soddisfare ogni palato, ma la regina del menù è la carne di vitello di razza Fassone, la migliore – con la toscana Chianina – carne italiana.
Quella della Piola è di Valter il macellaio, col quale da mezzo secolo la famiglia Forno collabora: proveniente da un piccolo allevamento in provincia di Cuneo, la carne è macellata settimanalmente e lavorata da Valter in persona, dalle cui abili mani escono la Salsiccia di Bra, il girello per il vitello tonnato, il sottofiletto per la “bistecca” e la tagliata e la mitica “Carne cruda”!

La cruda di Fassone della Piola è rinomata per la sua leggerezza e sapore, condita solo olio di Bitonto e sale, rigorosamente tritata una volta sola con la trafilatrice in bronzo che la lascia a grana grossa e persistente sotto i denti: alla Piola non troverete la “battuta” o “l’albese”… nonna Ghitina le avrebbe definite diavulerie muderne, visto che la battuta al coltello no la si fa più da quando è stato inventato il tritacarne e riproposta solo per vezzo….in Piola si guarda alla sostanza!
La cruda viene anche proposta in varie ricette, dalla più classica e internazionale Steaktartare alla più innovativa “ciambella di cruda con fonduta calda di formaggi caprini”.

Chi non amasse la carne cruda, con la stessa carne la cucina della Piola propone gli hamburger fatti al momento, morbidi e saporiti, anch’essi in varie declinazioni. E lo stinco all’Arneis e il Piolé piatto da scoprire, e non dimenticate di informarvi sul secondo di giornata…

Se la cruda è la regina del menù, la corona principale va a sua maestà l’Agnolotto: ripieno di arrosto di Fassone, con una frisa di prosciutto crudo di Parma e Parmigiano, e condito con il famoso ragù bianco di nonna Ghitina: tre carni, Fassone maiale e coniglio fatti al sivet col vino bianco alloro e qualche bacca di ginepro, poi tirati su tritati a mano e rimessi nel loro sugo di cottura con una bella noce di burro. In realtà in origine il sugo di cottura era “legato” da un fegato intero di coniglio fatto sciogliere , ma ahimé la maggiore attenzione alla dieta non permette più questi eccessi golosi.

La Piola del Forno è attenta alle nuove abitudini alimentari, quindi una parte rilevante del menù è dedicata ai piatti vegetariani, dalla torta salata al Piolé vegetariano, e non trascurate le tagliatelle con il sugo di nocciola gentile del Piemonte… la stessa della Nutella!

Dai taglieri dell’Enoteca arriva poi un altro importante contributo a rendere la carta della Piola accattivante: i formaggi vaccini e caprini, tutti del nostro territorio, o al limite appena al di là delle Alpi, luogo – la Francia – così fortemente legato alla nostra terra.

Se poi rimane un angolino ancora da riempire, due consigli su tutti: la torta ‘d pum servita tiepida con il gelato fatta con una brisée leggera e il bonet, il cappello della cena, con un goccio di Fernet perché nonna Ghitina insegnava che deve addolcire ma anche essere un po’ digestivo. E il capo, lo chef, ha sempre ragione!

Un menù piemontese – sabaudo nel senso stretto del termine, che vi soddisferà qualunque siano i vostri gusti.

ANTIPASTI

  • Vitello Tonnato

    Girello di Fassone lessato nel canovaccio con le verdure, con salsa tonnata fatta in casa alla maniera antica

9,50

  • Carne cruda di Fassone “tradizione” mantecata olio e sale, con limone e mostarda a parte

9,50

  • Tortino di cruda di Fassone con letto di rucola, mela renetta e vinaigrette

10

  • Salsiccia di Bra cruda

    con songino e scaglie di Grana conditi con vinaigrette
    lapioladelforno_salsicciadibra

10

  • Merenda sinoira d’la Piola

    Uovo sodo, acciughe al verde, peperoni in bagna freida, lingua salmistrata al verde, vitello tonnato, tomini elettrici, cacciatorino
    lapioladelforno_merendasinoira2 lapioladelforno_merendasinoira

12

  • Antipasto di giornata

12

PRIMI

  • Agnolotti torinesi con ragù bianco alla piemontese

    lapioladelforno_reagnolotto

9

  • Tagliatelle all’uovo con sugo di stagione

8,5

  • Primo di giornata

9

SECONDI CRUDI

  • Ciambella di cruda di Fassone con fonduta calda di formaggi caprini o vaccini

15

  • Spianata di cruda di Fassone con coperta di rucola o carciofi (secondo stagione) e scaglie di Grana

15

  • Steaktartare cruda di Fassone

    con tuorlo d’uovo bio, cipolla tritata, cappero, acciuga, erbe di Provenza, sale grigio di Bretagna, paprika, mostarda di Dijion
    lapioladelforno_steaktartare lapioladelforno_steaktartare2

15

  • Tris di cruda di Fassone circa 300 g: tradizione, all’aglio, al tartufo

15

SECONDI COTTI

compresi di una fantasia di contorni del giorno

  • La bistecca d’la Piola: sottofiletto di Fassone (circa 350 g) spadellato al burro, con aglio e prezzemolo o erbe di provenza. Indicare la cottura

15

  • Tagliata di Fassone. Sottofiletto di Fassone (circa g 350) scottato con rucola e pomodorini, indicare la cottura

    con rucola e pomodorini
    lapioladelforno_tagliatadifassone

15

  • Stinco di maiale al forno doppia cottura all’Arneis, alloro e ginepro, accompagnato con salse dolci e piccanti

14

  • Piolè: cartoccio di patate cotte al forno con un caprino semistagionato e dadolata di speck, accompagnato con salse dolci e piccanti

15

  • Svizzerina classica gr 300 circa: pura carne di Fassone pressata a mano, indicare la cottura

14

  • Svizzerina al furmagg, gr 300 circa con Edamer giallo

15

  • Svizzerina alsaziana gr 300 circa con Speck e Brie

15

  • Svizzerina savoiarda gr 300 con Speck e Raclette

15

  • Svizzerina Bismark gr 300 circa con uovo all’occhio di bue

15

  • Svizzerina al Gorgonzola DOP gr 300 circa

15

  • Secondo di giornata

15

VEGETARIANI

  • Torta salata vegetariana servita con un misto di contorni di giornata

13

  • Piolè vegetariano: cartoccio di patate cotte al forno con un caprino semistagionato e verdure alla griglia o saltate

14

  • Salada d’la Piola: insalta verde, pomodoro, uovo sodo, mozzarella, mais (con tonno a piacere)

10

  • Salada greca: pomodori, feta greca, cipolla, olive taggiasche, cetrioli, origano

12

  • Degustazione di cinque formaggi artigianali accompagnati da verdure del giorno

13

  • Degustazione di contorni di giornata

10